Abstract: In 2013 the “Dolomiti di Sesto spa” company instructed the “Studio associato PAN” to provide a survey in order to assess the dangerousness of the birds to the overhead cables of ski resorts. The survey was realized in val di Sesto in order to define the steps needed to reduce or eliminate the above mentioned risk. The assessment of the risk of collision - for 5 cableways, 3 chairlifts and 3 ski lifts - has been taken into account the technical characteristics of ski resorts. In addition, the location of ski resorts was assessed in reference to the winter, summer and spring distribution area of species at risk (e.g. hazel grouse, capercaillie and black grouse). During the study, the effectiveness and applicability of the different measures to mitigate the risk of collision in Alpine region were assessed in order to better define the most appropriate interventions to the specific context investigated.

Key words: cavi impianti di risalita, collisione, galliformi alpini – ski-cables, collision, alpine
galliformes

Riassunto: Nel 2013 la società “Dolomiti di Sesto spa” ha incaricato lo “studio associato PAN” di effettuare un’indagine finalizzata a valutare la pericolosità per l’avifauna delle linee a cavo aeree degli impianti sciistici presenti in val di Sesto (BZ) e definire gli interventi necessari a ridurre o annullare tale rischio. Nella valutazione del rischio di collisione (effettuata per 5 cabinovie, 3 seggiovie e 3 sciovie) si è tenuto principalmente conto sia delle caratteristiche
costruttive degli impianti di risalita e della posizione degli stessi rispetto ai parametri morfologici/vegetazionali, sia dell’areale accertato di distribuzione nei periodi invernale, primaverile ed estivo delle specie più esposte a tale rischio nell’area di indagine (francolino
di monte, cedrone e forcello). Nell’ambito dello studio è stata poi valutata l’efficacia e l’applicabilità delle diverse misure di mitigazione del rischio di collisione finora proposte
a livello alpino, consentendo così di meglio definire le modalità di intervento più idonee alla specifica realtà indagata.

Download
Tomasi et al_2015.pdf
Documento Adobe Acrobat 694.8 KB